Super Pro Patria e Giana sempre più inguaiata

Passa la Pro Patria con un secco 3 a 0 spegnendo ogni speranza di rimonta per evitare la serie D, con la Giana che chiude il girone di andata ultima con 10 punti e un unica vittoria ottenuta contro il Novara. Adesso solo un miracolo con un girone di ritorno perfetto potrebbe evitare ai biancazzurri la retrocessione diretta in serie D.

Primo tempo 0-0

Al 1’ ci prova subito Le Noci, con un rasoterra dal limite, a sorprendere Leoni, ma l’estremo difensore biancazzurro blocca senza problemi. Al 6’ Pirola con un traversone serve Remedi sulla fascia, il quale crossa al centro per l’accorrente Perna, ma un difensore ospite anticipa di testa. Dopo una decina di minuti giocati a buon ritmo, ma prevalentemente a centrocampo, al 16’ la Pro Patria guadagna un calcio di punizione centrale dai 25 metri: Le Noci calcia direttamente in porta, ma la sua conclusione si spegne poco oltre l’incrocio dei pali. Al 19’ bella incursione di Cortesi che, servito da Remedi, si aggiusta la palla con la testa e passa tra due difensori, arriva al tiro, ma conclude sull’esterno della rete. Al 21’ Galli guadagna un pallone al limite dell’area e lascia partire un tiro che Leoni in tuffo para. Al 32’ Pirola mura una conclusione di potenza di Palesi e la devia nel primo corner della gara: sul cross dalla bandierina esce Leoni con i pugni, la palla rimane lì e dopo un batti e ribatti in area Madonna spazza via. Al 38’ Remedi serve Perna sulla destra, cross in mezzo per Pedrini, ma un difensore anticipa. Al 39’ ancora Pedrini vicinissimo al gol, ma la sua conclusione di testa, su cross di Remedi, viene bloccata giusto sulla linea da Mangano. Al 43’ primo angolo anche per la Giana: Capano calcia in area, dove Solerio di testa sfiora letteralmente il palo più lontano. Al 45’ punizione sulla trequarti per la Giana, con Montesano che calcia in area, palla ribattuta e agganciata da Remedi, che da fuori conclude con una parabola sopra la traversa.

Secondo tempo 0-3 e Giana in 9

Stessi ventidue in campo al rientro dagli spogliatoi e al 2’ è Perna che aggancia un pallone poco fuori il limite e cerca la conclusione diretta, che si spegne di poco fuori alla destra di Mangano. Al 3’ Le Noci riesce a smarcarsi e ad arrivare al tiro dal limite, ma Leoni in tuffo devia in angolo. Al 10’ angolo per la Giana, Piccoli da fuori calcia un rasoterra di potenza che scivola dalle mani di Mangano e per un nonnulla esce, finendo nuovamente in angolo. Al 14’ primo cambio per la Giana, con Fumagalli che sostituisce Capano, mentre per la Pro Patria Mastroianni rileva Parker e Pedone Palesi. Al 20’ cambia il risultato in favore della Pro Patria con la rete di Masetti, che dalla destra lascia partire un diagonale ad incrociare sul secondo palo. Al 24’ punizione centrale per la Giana dai 22 metri: Cortesi calcia alto. Al 33’ contropiede della Pro Patria con Leoni che salva su Pedone, il quale arriva al tiro tallonato da Montesano e Solerio anticipa Mastroianni, alla ricerca della ribattuta. Al 34’ doppio cambio per mister Javorcic, che inserisce Colombo per Bertoni e Kolaj per Le Noci. Al 35’ rosso diretto a Remedi, probabilmente per proteste nei confronti dell’assistente. Al 37’ generoso rosso diretto a Pirola per fallo da ultimo uomo su Pedone. Al 39’ Lombardoni su calcio di punizione centrale dai 22 metri centra il palo alla destra di Leoni e sul rimbalzo la palla entra in rete per il gol del raddoppio. Al 41’ punizione per la Giana dai 25 metri, con Madonna che dalla sinistra conclude direttamente in porta, chiamando Mangano ad una super parata in elevazione. Al 43’ la Pro Patria cambia Masetti con Cottarelli. Al 47’ arriva anche il terzo gol per la Pro Patria grazie a Pedone, che vince un rimpallo con Montesano sulla fascia sinistra e va al tiro, respinto da Perna ma riagganciato dallo stesso Pedone, che la seconda volta non sbaglia e batte Leoni.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *